HostingWI

Lo spazio web per dare visibilità alla tua azienda

Il presente documento è una guida all’utilizzo del servizio Vianova Hosting e contiene le indicazioni per il corretto caricamento dei file sul proprio spazio web.

Mostra tutto

Per la corretta configurazione dello spazio web è necessario disporre di:

  1. client FTP
  2. collegamento attivo a internet
  3. dati di accesso al servizio Vianova Hosting forniti dal Servizio Clienti di Welcome Italia
  4. abilitazione all’utilizzo del protocollo di rete: FTP (porta 21)

Per pubblicare il proprio sito nello spazio web previsto dall’offerta Vianova sottoscritta è necessario possedere un client FTP. Se non si possiede un client FTP è possibile scaricalo da internet; sono disponibili software gratuiti e a pagamento. In questa guida è descritta la procedura di utilizzo di FileZilla, un software gratuito open source multipiattaforma (Windows, Linux e Mac OS X). FileZilla è disponibile per il download presso questo indirizzo: http://filezilla-project.org.Dopo aver scaricato ed installato il client FTP è necessario seguire la seguente procedura:

  1. Avviare il client FTP.
    hosting_00
  2. Immettere i dati di accesso e selezionare il pulsante Connessione rapida per avviare il collegamento.host:ricevuto via email nome utente:ricevuto via email password:ricevuto via email porta:21hosting_01Stabilita la connessione, il server di Welcome Italia risponderà con un messaggio di benvenuto, visibile nel riquadro attività del server.Nel caso in cui siano presenti messaggi di errore contattare il Servizio Clienti di Welcome Italia.
  3. Selezionare i file da pubblicare e trascinarli dalla cartella locale (riquadro a sinistra) alla cartella remota (riquadro a destra).hosting_02È possibile copiare singoli file o intere cartelle. Nella casella in basso è indicato lo stato di avanzamento della copia dei file sul proprio spazio web.hosting_03
  4. Una volta terminato il trasferimento, il sito sarà online. Nel caso in cui il dominio sia in fase di registrazione o trasferimento sarà necessario attendere alcuni giorni, durante i quali saranno propagati gli aggiornamenti a tutta la rete internet.

I nomi dei file o delle cartelle pubblicate nello spazio web non possono contenere caratteri speciali (ad es. parentesi quadre, graffe o spazio). Si ricorda che i nomi dei file e cartelle in Linux sono case sensitive, ovvero fanno distinzione tra maiuscole e minuscole, pertanto Index.HTML e index.html sono nomi di file differenti.Per rendere visibile il contenuto di una cartella del sito senza esplicitare la pagina di default (ad es. www.nomedominio.com invece di www.nomedominio.com/default.htm) prestare attenzione al seguente ordine di priorità di visualizzazione dei documenti:

Linux Windows
1. index.htm 1. default.htm
2. index.html 2. default.asp
3. index.php 3. index.htm
4. default.htm 4. index.html
5. default.html 5. iisstart.htm
6. Default.htm 6. default.aspx
7. Default.html

Per personalizzare i messaggi di errore è sufficiente sovrascrivere i file html archiviati nella cartella /errordocs, ad es.:

nome del file descrizione dell’errore
400.html errore 400 – richiesta non valida
401.html errore 401 – autorizzazione negata
403.html errore 403 – accesso negato
404.html errore 404 – impossibile trovare la pagina
405.html errore 405 – impossibile visualizzare la pagina
500.html errore 500 – errore interno del server
503.html errore 503 – servizio non disponibile

 

Se non hai trovato la risposta che cercavi, inviaci la tua domanda

invia la tua richiesta